Osa e narra: il valore delle consulenze


NARRAZIONE e CONSULENZA
Ascolto con attenzione le storie delle persone che vengono in consulenza. Il modo in cui formulano le frasi mi dice molto di come vivono, dei nodi percepiti e di quelli che sono così a fondo da non notarli nella coscienza pur subendone le conseguenze.
Il processo di scrittura che propongo porta a galla gli archetipi e con essi lavoro. Si crea un dialogo che svela a che livello si è interrotto il ciclo di contatto.
Con la narrazione vengono in figura tutte le deviazioni fatte nel tempo costruendo così una mappa energetica del percorso fatto. Vengono fuori le perdite, le mancanze ma anche le risorse e le potenzialità.
Alcune persone sono così spaventate dall’osare che non intraprendono alcun cammino attribuendo ad altri il mancato viaggio. Bloccano così le loro sensazioni e perdono la loro capacità di distinguerle. Si crea così un groviglio che viene definito ansia, nervosismo, depressione, via dicendo.
Altri “escono dalla porta”. Iniziano ma al primo ostacolo tornano indietro sviluppando un senso di frustrazione e di inadeguatezza.
Altri ancora perdono la rotta mentre stanno raggiungendo l’apice o, raggiuntolo non se lo godono abbastanza. C’è chi in questa fase, non riesce a staccarsi e ha bisogno costantemente della condizione di eccitazione per sentirsi vivo.
Infine ci sono quelle persone che non staccano mai la spina e passano velocemente da un’azione all’altra perdendo il senso “sacro del distacco” per garantirsi un nuovo attaccamento.
Ognuna di queste fasi ha le sue narrazioni. Quando arriva la consapevolezza, qualcosa cambia. Ed è quello il momento in cui la forza di volontà fa l’assoluta differenza. Per fare il percorso di narrazione del Sé contattami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.