Talpa o ragno? Decidi tu 2


 

Talpa o ragno? Decidi tu

Perchè si suole dire: “tra i due litiganti il terzo gode“? Quali sono le dinamiche che si creano e danno vincente il terzo? Da oltre 15 anni,grazie allla mia professione di psicologa e formatrice,  osservo e studio con attenzione migliaia di interazioni.

La mia indole di ricercatrice mi aiuta ad aiutare.

Vi racconto una storia.

C’era una volta una Talpa che voleva diventare regina della foresta. Non credendo abbastanza in se stessa pensò che potesse diventarlo con l’inganno. Approfittò del fatto che viveva sotto terra per ascoltare quello che accadeva al leone e ai suoi sudditi. Scoprì così che una famiglia di castori aveva urgente bisogno di costruire una nuova tana più grande e spaziosa. Per farlo aveva bisogno del consenso del re. La Talpa sfruttò quell’occasione per metterli l’uno contro l’altro. Prima che il Castoro arrivasse dal leone, infatti, la Talpa lo avvisò del suo imminente arrivo: “stai attento perchè il Castoro vuole estendere i suoi possedimenti e diventare sempre più forte. Arriverà accondiscendente e a occhi bassi ma il suo cuore ha cattive intenzioni”. Quando il Castoro arrivò e spiegò la sua situazione, il Leone che aveva già subito precendenti tentativi di detronizzazione, prestò poco attenzione a quello che ascoltava e rifiutò la richiesta.

Il castoro uscì sconsolato. Ne approfittò la talpa. “Il Leone è ormai troppo presuntoso. Ci sarà pure un motivo se hanno tentato più volte di torgliegli la corona. Non ti sembra? E poi, ha perso il cuore: non ascolta più e pensa solo a tenersi stretto il suo potere. E se lui avesse paura di te? Se fosse invidioso della tua capacità di costruire”? La Talpa lo lasciò in questo dubbio: la delusione si legò alla rabbia.

Si crearono così sempre più occasioni di scontro e in men che non si dica nacquero due gruppi contrapposti: uno a favore del re e l’altro a favore del castoro. In realtà nessuno sapeva il perchè di questo conflitto: erano state così tante le parole messe in giro che non ci si raccapezzava più. La Talpa continuva nel suo intento: ascoltava sotto terra e di tanto in tanto usciva fuori dalla tana continuando a mettere l’uno contro l’altro.

All’apice dello scontro, quando sembrava che stesse per scoppiare una grande guerra, la Talpa che nel frattempo era diventata un punto di riferimento per molti, realizzò il suo sogno: “per amore della foresta e per scongiurare altre guerre, il Castore e il Leone devono farsi da parte: non possono più i loro conflitti fare del male alla nostra comunità”. La maggior parte degli animali era stanca di quella situazione e la acclamò come re.

Il Castoro e il Leone si ritirarono nel loro silenzio. Giunse il Ragno, esperto nel tessere le tele, salì sul muso del Leone e gli aprì gli occhi: ” la tua paura ti ha fatto giudicare e il giudizio ti ha fatto perdere”. Il Ragno andò poi dal Castoro, salì sul suo muso e gli aprì gli occhi: “il tuo dolore ti ha fatto arrabbiare e la tua rabbia ti ha fatto perdere”. Qualche giorno dopo, il ragno convocò entrambi vicino ad un fiume: “parlatevi adesso che non avete più niente per cui combattere”. Così fu e i due comprensero il ruolo della talpa.

Chiesero quindi di poterla incontrare in un’adunanza pubblica: “Talpa, non puoi più essere re perchè con l’inganno ci hai messi l’uno contro l’altro”. La Talpa cercò di difendersi ma dovette arrendersi. Lasciò la corona e se ne ritornò nella tana. Arrivò il Ragno, le salì sul muso e le disse: “per essere re, cara talpa, devi essere al servizio del bene. Se tessi una tela nel male, ti si rivolgerà contro. Pensa al tuo talento: tu scavi cuniculi sotto la terra: è con questo e non con l’inganno che la vita ti renderà re“. E la lasciò nel silenzio.

Valuta con attenzione il terzo che viene nella tua vita: chi vuoi essere una talpa insicura o un ragno saggio?

tela


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti su “Talpa o ragno? Decidi tu