accendi per vedere ciò che già conosci e spegni per inventare nuove realtà.


Un pò come Ettore e Sergio di Sognando la meta, anch’io mi appresto a vivere la prima emozione, quella che sgorga da ogni cellula del corpo quando, arrivato il libro a casa, ci si appresta a portarlo fuori per lasciarlo nelle mani di qualcun’altro. In questo donare si mescolano la paura di entrare nella vita di chi leggerà i tuoi pensieri e l’entusiasmo di lasciare in loro una qualsiasi sensazione, intensa o meno che sia, duratura o breve, monocolore o arcobaleno. E’ come accendere e spegnere la lampadina della propria camera: accendi per vedere ciò che già conosci e spegni per inventare nuove realtà. E vai veloce come il vento e poi lento come una tartaruga. Il primo passo è fatto: ho spento la luce! Adesso bisogna che sperimenti l’ignoto e viva questa nuova “realtà”. Come i rugbisti del romanzo, intellettuale uno, tremendamente pragmatico l’altro, sono stata in giro ad affiggere le locandine per la presentazione del libro.
E così di giorno con Sergio eravamo occupati a organizzare tutti gli
aspetti dell’evento e di notte andavamo ad attaccare i manifesti. Non
dimenticherò mai quelle nottate e le strade silenziose e deserte che ci
consentivano di tenere lontana l’ansia del momento. Sapevamo di aver investito
tantissime risorse ed era per questo che l’entusiasmo si alternava alla paura.
 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.